Materasso: scegli quello giusto per ridurre il mal di schiena e migliorare il tuo riposo!

Coricarsi la sera e non riuscire a prendere sonno, svegliarsi la mattina tutti indolenziti e ancora stanchi, mal di schiena, torcicollo… forse la colpa di tutto ciò è del nostro materasso!

Trascorriamo a letto circa un terzo della nostra vita, ma spesso non facciamo attenzione al nostro materasso: ne comperiamo uno qualunque e poi ci scordiamo che non dura in eterno. Per riuscire a riposare bene sono indispensabili un buon materasso e un buon cuscino. Quando il nostro materasso è nuovo la qualità del riposo è migliore, il mal di schiena diminuisce, riusciamo ad addormentarci prima e ci svegliamo meno durante la notte.

In commercio sono disponibili svariati tipi di materassi. Ecco qualche consiglio per scegliere quello giusto per te:

  • Prima di acquistare il materasso stenditi sopra  e fai passare la mano fra il tuo corpo e il materasso. Se la mano fatica a passare il materasso è troppo morbido, se passa troppo facilmente, è troppo duro.
  • Leggi attentamente l’etichetta, (questa dovrebbe essere una prassi ogni volta che si acquista qualcosa), per sapere come e dove  il materasso è stato prodotto, i materiali di cui è fatto, l’evantuale numero di molle
  • Se soffri di mal di schiena scegli un materasso medio-duro che sostiene il corpo senza far lavorare la colonna vertebrale e non esercita un’eccessiva pressione sulla pelle.
  • Se sei allergico il materasso più indicato è in lattice o in schiuma di poliuretano, con fodera sfoderabile e lavabile. Eventualmente puoi scegliere anche un materasso in cotone a trama spessa con fodera anti-acaro.

Inoltre un buon materasso:

  • Deve garantire che la nostra colonna vertebrale mantenga la curvatura naturale durante il sonno: una postura scorretta costringe i muscoli della schiena, del collo e delle braccia a lavorare continuamente.
  • Deve permettere una giusta traspirazione per evitare di svegliarci sudati.

Ricorda!

  • Gira spesso il materasso, testa-piedi e sotto-sopra, perché le diverse parti del corpo esercitano su di esso pressioni e sollecitazioni diverse.
  • Per la pulizia è meglio non usare acqua o vapore, ma assicurare una ventilazione quotidiana aprendo le finestre e togliendo le lenzuola.
  • Cambia il tuo materasso ogni sette anni.

1 Commento

  1. eloisa

    aprile 6, 2010 at 8:34 am

    io mi sono trovata benissimo con il mio materasso a molle “insacchettate”, cioe molle tutte separate. abbiamo sempre dormito benissimo, è bello rigido, ma non troppo, e quando ti stendi, ti avvolge!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>