Go Green: la rivoluzione verde che cambierà il mondo

Il nostro modello di sviluppo porta con sè i germi della distruzione, perchè l’energia che fa girare il mondo al contempo lo avvelena.” Purtroppo quello che scrive Diego Masi nel suo “Go Green“, un saggio sulla Green Revolution pubblicato nel gennaio 2010, è tremendamente reale.

Non è necessario andare in cerca di tanti dati o recenti statistiche a riguardo, “è sufficiente fare due passi a Milano o Roma e i polmoni te lo gridano in faccia“: la nostra aria sta diventando irrespirabile! Ma questo non è l’unico problema ambientale da considerare. Avete mai sentito parlare dell’inquinamento delle acque? Della difficoltà nello smaltimento dei rifiuti, dell’estinzione di diverse specie animali e vegetali, del buco nell’ozono e della deforestazione? Per non parlare dell’urgenza assoluta di passare dall’”energia che proviene dall”inferno’, ricavata da carbone, petrolio, gas naturali, a quella che viene dal ‘paradiso’, dal vento, dall’acqua, dalle maree, dalle biomasse, dal sole“. Ebbene, i cittadini si stanno facendo sempre più sensibili ai problemi del pianeta e anche il loro modo di pensare sta cambiando.

La Green Revolution è cominciata, è partita dal basso ed è destinata a trasformare ogni ambito della società. Prendiamo, per esempio, l’economia.

Le aziende, se non vorranno essere travolte dall”onda verde‘, dovranno adattarsi ai nuovi trend e cercare di realizzare i loro prodotti nel più totale rispetto del pianeta. Ma non dovrà essere una trasformazione di facciata, ma un mutamento reale: dovranno cercare di crearsi una Green Reputation basata su informazioni chiare e autentiche: il consumatore, dati alla mano, sceglierà il prodotto più salutare, per sè e per il pianeta. Grazie al web, infatti, non sarà più possibile “infinocchiare” i cittadini con spot solo d’effetto: la pubblicità dovrà mostrare il lato più verde delle aziende e creare un rapporto emozionale con il consumatore. Tutto ciò si trasformerà in opportunità di sviluppo e di lavoro: “ritengo che la Green Revolution possa essere il futuro dell’Italia” ha scritto Masi. “Il verde è il colore dell’ecocompatibilità, ma anche quello dei dollari!

Semplice, diretto e chiaro, “Go Green” descrive una società in profondo mutamento, portando a supporto dati, statistiche, grafici ed esempi concreti. Il libro è molto interessante e sviluppa tematiche attuali, approfondendole in modo preciso e dettagliato. Personalmente la parte che mi ha interessato di più è stata quella relativa alla Green Reputation e al potere che i consumatori hanno (attraverso il web e le scelte quotidiane) di indurre le aziende ad una produttività ecosostenibile.

6 Comments

  1. Pingback: CryoSat2: nello spazio il satellite Esa controlla lo scioglimento dei ghiacciai | Rose In The Wind

  2. Pingback: ERA, Electric RaceAbout: l’auto elettrica supersportiva | Rose In The Wind

  3. Pingback: Patch by Altanus: l’orologio in carta completamente ecologico! | Rose In The Wind

  4. Pingback: Puma Phone: il cellulare a energia solare! | Rose In The Wind

  5. Pingback: Apegreen: a Milano l’aperitivo della Green Economy | Rose In The Wind

  6. Pingback: Le fatine Winx amano l’ambiente e diventano testimonial della green economy | Rose In The Wind

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>