“Come gocce di sale e di vento” di Courtney Sullivan

“Come gocce di sale e di vento”:
J. Courtney Sullivan ti fa innamorare della famiglia Kelleher,
tanto che penserai sia un vero peccato leggere l’ultima pagina del romanzo.

J. Courtney Sullivan parla di problemi che ogni famiglia si trova ad affrontare. E lo fa con sicurezza, intelligenza e anche un pizzico di ironia. Scommettiamo che alla fine vi dispiacerà essere arrivati all’ultima pagina?Marie Claire

Il commento della rivista femminile “Marie Claire” sul romanzo “Come gocce di sale e di vento” è stata una sorta di sfida per me. Quel “scommettiamo” sapeva di troppo ‘pubblicitario‘. E invece, giunta alla fine del romanzo, ho dovuto ricredermi: ti ci vuole un po’ per familiarizzare con le donne della famiglia Kelleher, ma quando finalmente hai imparato a conoscerle vorresti che l’autrice continuasse ancora a raccontarti la loro storia.

Il romanzo ruota intorno alle vacanze estive che ogni anno i membri della famiglia Kelleher amano passare a Kittery Point, un cottage di pietra e legno che si erge solitario su una spiaggia sabbiosa incuneata nella costiera rocciosa del Maine. E’ quanto di più caro possiedono ed ognuno di loro vuol passarci le ferie, avendo però il meno possibile a che fare con gli altri. Questa volta, tuttavia, sarà diverso: Kathleen, la pecora nera della famiglia, si troverà a passare qualche giorno al cottage insieme alla figlia Maggie (troppo dolce e troppo buona per quella famiglia), alla cognata Ann Marie (così perfetta e perbene da far venire i nervi!) e alla madre Alice (una donna incredibilmente forte, segnata da un passato fatto di sensi di colpa e rinunce).

Scappare sarà impossibile: giungerà finalmente l’ora di svuotare il sacco? Sì, quel pesante fardello di silenzi, incomprensioni e invidie diventerà un pochino più leggero. E forse anche qualche vecchio segreto verrà svelato…

Come gocce di sale e di vento” è un romanzo tutto al femminile: le protagoniste sono quattro donne, diverse per età, indole e formazione. Nelle loro vite ci possiamo rispecchiare, i loro vissuti corrispondono molto spesso anche ai nostri: i successi e le delusioni d’amore, i sogni infranti e quelli realizzati, la paura e l’angoscia del futuro. Scoprendo sempre più pezzi delle loro esistenze, va a finire che ti ci affezioni a quella famiglia di scapestrate! A facilitare il tutto, poi, c’è la prosa scorrevole e vivace di J. Courtney Sullivan, in grado di farti empatizzare anche con i persoggi più… ‘pungenti‘! ;-)

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>