La carta da parati, un grande ritorno per la nostra casa

Se sei un’amante del vintage, non puoi proprio farti mancare
una parete di casa decorata con carta da parati.

Quella di ornare le pareti è un’arte che fin dall’antichità ha appassionato l’uomo: tendaggi, affreschi, arazzi, rivestimenti in legno, stucco e cuoio hanno decorato le mura e i soffitti delle case nobiliari per tutto il medioevo. Quando, con la rivoluzione commerciale, in Europa si cominciò a importare la carta dalla Cina, le classiche decorazioni vennero pian piano sostituite da carta dipinta, meglio conosciuta come carta da parati. La tecnica ebbe un tale successo tra la popolazione che si iniziò a produrre rotoli di carta da parati in scala industriale, in particolare nel corso degli anni settanta, decennio nel quale esplose una vera e propria passione per questo tipo di rivestimento.

Seguendo le mode del momento che recuperano le tendenze degli anni passati, anche la carta da parati sta a poco a poco ritornando in auge nelle nostre case, almeno in quelle di chi ama lo stile vintage. Dopotutto, dall’armadio alla casa il passo è breve! ;-)

Insieme a vecchie poltrone, frigoriferi anni ’50, giradischi e telefoni con la cornetta, riappaiono sulle pareti ritagli di carta da parati. Le varianti disponibili nei negozi  (quelle inserite in questo articolo appartengono alle collezioni Parato ) sono davvero infinite, da scegliere secondo i gusti e la zona della casa da arredare (le più gettonate sono sicuramente salotto e camera da letto). Se alla parete rivestita ci si accosta un mobiletto in legno, una sedia o una lampada dal sapore retrò, la rievocazione del passato diventa ancor più evidente ed emotivamente coinvolgente. Non vi resta che scegliere un’angolino di casa e provare a ricreare l’atmosfera

Carta Da Parati

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>